Perché Sistema Bancario Italiano resta debole

di Andrea Cilento

Provo a offrire un’analisi che difficilmente si troverà nei massmedia. Su Repubblica di oggi 30 luglio 2016 troviamo un autorevole parere di Andrea Enria capo di Eba, autorità bancaria europea responsabile dei cosiddetti “stress test”. Il parere è che il sistema bancario italiano resta debole,con poco capitale nelle banche e crediti di scarsa qualità. Fin qui la cronaca. Mi chiedo come tutto ciò sia possibile. Le banche italiane sono sostanzialmente un cartello, non si rubano clienti, nessuna pubblicità comparativa, stessi prodotti, tassi, liste nere cattivi pagatori condivise. Prestiti solo su pegno: in genere immobiliare. Dunque banche iperprudenti che finanziano a rischio zero. Aggiungiamo un’altra perla: hanno il monopolio della raccolta del risparmio privato. Significa che tutta la liquidità degli italiani si trova depositata in banca. E allora da dove viene questa fragilità? Mi vengono in mente due spiegazioni:
1. I finanziamenti dati per raccomandazione sono talmente ingenti da creare sofferenze. Mi pare troppo ma è un calcolo da fare.

2. Le banche sbagliano i criteri che determinano un cliente come affidabile o meno. Oggi chi entra in un’agenzia di banca e chiede finanziamenti per la propria azienda deve portare gli ultimi bilanci e le garanzie immobiliari. Nessuno analizza:

  • Mercato in cui l’impresa opera: l’ambito competitivo.
  • Valore distintivo dell’impresa rispetto ai competitors.
  • Cultura degli imprenditori e loro CV

Dunque oggi le banche potrebbero considerare affidabile, paradosso, un cretino che possiede un paio di case. O semplicemente qualcuno che non abbia sufficienti skill e volontà per farcela in quel mercato. E quindi non potrà ripagare il credito che diverrà una cosiddetta sofferenza.

Cosa fare? Alcune cose che non saranno fatte mai o comunque non all’orizzonte:

  • Urge rinnovamento della cultura di valutazione del merito creditizio. Non più prestito su pegno ma su valutazione chance di successo del business plan. Ereditare case non significa essere Bill Gates.
  • Abolizione cartello bancario e creazione cultura competitiva nel settore. 
  • Più rischio sano, basato su finanziare talenti e business plans di qualità.

Ciò produrrebbe:

  • Crescita Pil cioè più liquidità nelle imprese e quindi nelle banche
  • Meno sofferenze
  • Mobilità sociale: un talento nato povero avrebbe delle chances.

Lo so, è solo un sogno. O un “message in a bottle”.

Annunci